skip to Main Content
Produttori dal 1983

Trovano un effetto neuroprotettivo nella pappa reale

Una recente ricerca condotta presso l’Università dell’Estremadura, dal gruppo PARK[i] , ha dimostrato che un acido grasso esclusivo della pappa reale induce l’autofagia cellulare (decomposizione di sostanze nel citoplasma della cellula che vengono riciclate per importanti funzioni cellulari ) nella malattia Malattia di Parkinson e migliora la salute neuronale in vari modelli animali. Questi studi hanno dimostrato che la pappa reale prolunga la vita del moscerino della frutta.

 

Come sappiamo, la pappa reale è una sostanza prodotta dalle api operaie per nutrire la loro regina, nota per il suo utilizzo in molti integratori alimentari prodotti in ROBIS, soprattutto in fiale bevibili.

È noto che la pappa reale ha proprietà antitumorali e antinfiammatorie, che hanno portato questi ricercatori dell’Università dell’Estremadura ad approfondire il loro studio, in particolare, sui suoi peculiari acidi grassi per osservarne e analizzarne gli effetti in un meccanismo essenziali fisiologici come autofagia cellulare .

L’autofagia cellulare permette alla cellula di “autodigerirsi” parzialmente in caso di deficit nutrizionale e di produrre energia e, cosa ancora più importante, rimuove dall’interno della cellula tutti quei contenuti cellulari alterati (proteine, mitocondri…) che sono danneggiati. L’autofagia cellulare, ha verificato questo gruppo di ricerca, esercita un ruolo protettivo nelle patologie neurodegenerative come il morbo di Parkinson, purtroppo così presente nel nostro tempo.

I risultati di questo primo studio pubblicato sulla rivista Cell Biology and Toxicology[ii] sono molto soddisfacenti. Dal momento che non solo inducono l’autofagia cellulare, ma gli scienziati hanno osservato l’ effetto neuroprotettivo contro le malattie neurodegenerative sia in modelli animali che in test cellulari in vitro , ha chiarito José Manuel Fuentes, coordinatore del progetto.

I ricercatori hanno anche scoperto un altro effetto molto interessante di questo acido grasso della pappa reale chiamato QBA: questo acido grasso favorisce la longevità nei moscerini della frutta ( Drosophila melanogaster ).

Possiamo concludere con questo studio, che l’induzione dell’autofagia gioca un ruolo molto importante negli effetti benefici per la salute.

L’obiettivo ora è continuare questa ricerca introducendo queste molecole dell’acido grasso “QBA” nella bevanda e nell’alimentazione animale, invece di iniettarle, e vedere se l’effetto è altrettanto determinante.

C’è un grande interesse nella ricerca di potenziatori autofagici efficaci con proprietà nutraceutiche per migliorare le malattie legate all’età, come i disturbi neurodegenerativi, e di conseguenza promuovere la longevità.

 

Riferimento bibliografico

Martínez-Chacón G, Paredes-Barquero M, Yakhine-Diop SMS, Uribe-Carretero E, Bargiela A, Sabater-Arcis M, Morales-García J, Alarcón-Gil J, Alegre-Cortés E, Canales-Cortés S, Rodríguez- Arribas M, Camello PJ, Pedro JMB, Perez-Castillo A, Artero R, Gonzalez-Polo RA, Fuentes JM, Niso-Santano M. “Proprietà neuroprotettive dell’acido dell’ape regina mediante induzione dell’autofagia”. Tossicolo biologico cellulare. 2021 agosto 27. doi: 10.1007 / s10565-021-09625-w. Epub prima della stampa. PMID: 34448959 .

[i] https://www.unex.es/organizacion/servicios-universitarios/servicios/comunicacion/archivo/2021/octubre-de-2021/29-de-octubre-de-2021/hallan-un-efecto-neuroprotector -in-royal-jelly # .YY4x-WDMKUk

[ii] https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/34448959/

Back To Top
^

CLIENTI PROFESSIONALI

CONTATTA robis@robis.es

ATTENZIONE: questo sito Web è ad uso esclusivo del mercato internazionale (EXPORT). Essere soggetti alla legistazione di ogni paese.